Ciro Vestita

Il 1924 fu per Mussolini l’annus horribilis. Il 10 giugno i suoi giannizzeri assassinarono Giacomo Matteotti; il partito fascista perde credibilità ovunque, soprattutto all’estero. Serviva quindi un’operazione di “distrazione di massa”. In suo aiuto arrivò un singolare personaggio tal Cervo Bianco, un indiano Iroque che reclamava davanti alla Società delle Nazioni i diritti dei nativi americani. Nobilissima operazione che dava luce alla figura un po’ obnubilata del Duce. L’arrivo in Italia fu un fuoco d’artificio; ad accoglierlo a Roma fu addirittura il papa Pio XI. Ma era tutta la coreografia che contornava questo personaggio ad essere fantasmagorica. Sua amante era la ricchissima contessa di Kheoenhiiller che si era innamorata di questo splendido meticcio dal fisico possente e dalla voce suadente. Fu lei a finanziare l’abitudine di Cervo Bianco a dispensare banconote ai poveri durante i suoi comizi. In giro promozionale per tutta Italia festeggiò il suo compleanno all’Hotel Baglioni di Firenze ove Richard Ginori gli dedicò un busto in ceramica.

L’incontro con Mussolini sfumò per un improvviso impegno del duce, ma Cervo, da vero sciamano, inviò un messaggio al suo “amico Benito in cui lo avvisava dell’incipiente ulcera che stava per aggredirlo. Lo capisco, disse Cervo, dagli occhi affossati da alcune smorfie di dolore che il Duce fa, concludendo la sua diagnosi con prescrizione di Aloe, l’erba di elezione nella sua tribù.  E fu l’unica cosa buona che fece in tempo a fare, perché, giorni dopo, fu arrestato per falsa identità e truffa. Il suo vero nome era Edgar Laplant; figlio di un muratore canadese e di una nativa americana. Ma come tutte le vicende strane anche questa ebbe un prosieguo verso i tanti fan che avevano creduto in lui.

In Sicilia vennero avviate delle immense coltivazioni di Aloe (che esistono tutt’ora) e questa pianta entrò nella farmacopea popolare del tempo. L’aloe, in ogni caso, è davvero la pianta delle meraviglie: il suo potere tampone sui succhi gastrici allevia fortemente i disturbi dei soggetti affetti da ernia iatale o reflusso.

Da La Nazione, 9 Gennaio 2019