Veronica Conti

DRAGO è il nuovo progetto integrato di filiera della Regione Toscana) (PIF) che nasce sul territorio delle Colline Metallifere attraverso la collaborazione di un partenariato variegato, composto da Aziende Agricole produttrici di grani antichi, Aziende Trasformatrici, lo Studio Tecnico Agricis, il Parco delle Colline Metallifere, CNR-IVALSA e UNISI-Dipatimento di Scienze della Vita come supporto scientifico del progetto. L’idea nasce per portare avanti lo sviluppo di un’agricoltura e di filiere agroalimentari sostenibili, riducendo l’impatto ecologico sul territorio e rappresentando un’innovazione nelle strategie e nelle pratiche del settore agricolo.

Il progetto si estende a tutti i sette comuni delle Colline Metallifere (Follonica, Gavorrano, Massa Marittima, Montieri, Monterotondo Marittimo, Roccastrada e Scarlino e ad alcuni comuni limitrofi (Chiusdino, Radicondoli, Pomarance, Castagneto Carducci e Bibbona) ed al momento sono già molti gli imprenditori, tra produttori e trasformatori, che hanno aderito alla filiera che in questo caso, risulta completa poiché il capofila del PIF è  Alessio Guazzini, che possiede un azienda agricola radicata da anni sul territorio.

Alessio Guazzini, capofila dei produttori DRAGO, ha spiegato: “Con questo progetto vogliamo dare agli agricoltori l’opportunità di creare reddito dalla loro attività perché è da loro che parte la custodia e la salvaguardia del territorio”

La finalità del progetto è quella di incrementare la qualità complessiva della filiera attraverso l’impiego di innovative tecnologie alimentari finora mai applicate dalle piccole aziende artigianali del partenariato. L’obiettivo finale è quello di mettere sul mercato una linea di prodotti finiti ad elevato valore salutistico ed organolettico basata su varietà di grani duri e teneri storici delle Colline Metallifere.

A tal fine si inserisce all’interno del PIF la misura 16.2, con il progetto denominato TECNOQUALISALUS che prevede l’inserimento dell’innovazione di processo-prodotto nella filiera cerealicola del DRAGO.

TECNOQUALISALUS, che vede come capofila, Andrea Montomoli, Panificatore storico dell’area, si prefigge lo scopo di massimizzare l’efficienza dei processi della filiera corta senza l’ausilio di composti di sintesi sia nella conservazione delle granaglie sia nella fase di trasformazione alimentare, proponendosi come filiera di alta qualità.

Tali finalità verranno perseguite attraverso una serie di obiettivi:

  • Validazione di un sistema alternativo di stoccaggio delle

 granaglie senza uso di prodotti chimici di sintesi

  • Miglioramento della qualità della pasta essiccata

attraverso l’impego di tecnologie alimentari innovative

  • Sviluppo di prodotti da forno con elevato potenziale

nutrizionale e salutistico

  • Valorizzazione della qualità nutrizionale dei prodotti

 della filiera ai fini commerciali

  • Determinazione del valore per il consumatore del

livello organolettico e salutistico dei nuovi prodotti

Nello specifico i risultati attesi consistono:

  • Nel miglioramento tecnologico delle produzioni artigianali di pasta secondo una gestione del processo di essiccazione;
  • Nella valorizzazione della filiera e del territorio proponendo nuove linee di prodotto dalle importanti potenzialità nutrizionali e salutistiche da trasmettere al consumatore finale su opportuna etichetta trasparente con claim nutrizionali;

All’interno di questo grande progetto, oltre a tutte le imprese produttrici e trasformatrici, sono presenti il C.N.R. IVALSA ed il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Siena, al fine di validare, consolidare e analizzare tutti gli aspetti che riguardano la qualità del prodotto dalla raccolta alla trasformazione.

Grazie all’impegno di tutti i partecipanti sarà quindi possibile portare avanti un’idea di qualità, sostenibilità e valorizzazione del territorio. Tutto ciò porta il nome di DRAGO.