La ftom (Federazione Toscana Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri) esprime la propria forte e convinta contrarietà alla proroga delle vaccinazioni e alla possibilità di auto certificazione da parte dei genitori di bambini e adolescenti indicate dal Governo, mentre fa proprie le indicazioni sostenute dalla comunità scientifica e dai suoi esponenti maggiori, fondate su dati oggettivi ben noti a tutti. In questo senso riteniamo corretta e da appoggiare l’iniziativa della Regione Toscana in questa specifica materia, tendente a mantenere cogente l’obbligo vaccinale. Il problema, infatti, non riguarda solo i soggetti non vaccinati (per scelta dei genitori) in quanto tali ma anche e soprattutto i bambini che non possono essere immunizzati a causa di personali e non aggirabili problemi di salute. Appare dunque del tutto legittimo aver imposto prima e ora mantenere l’obbligo vaccinale, per consentire a tutti i cittadini di avere le stesse chance di vita e di vita in buona salute. Gli OMCeO della Regione Toscana, oggi organi sussidiari dello Stato, riuniti nella suddetta Federazione Regionale, mentre ricordano che la scienza non ha, non può avere e non deve avere mai alcun colore politico, e che essa non deve essere strumentalizzata, riconoscono il diritto-dovere del Governo e della maggioranza che lo sostiene ad indirizzare e programmare la politica sanitaria del Paese, purché detta programmazione non collida, come nel caso di specie, con uno dei maggiori e più importanti traguardi raggiunti dalla scienza nel corso dei secoli passati. Chiediamo con grande fermezza, che la scienza sia rispettata e che rappresenti la stella polare della politica sui vaccini e sulla tutela della salute dei cittadini italiani».

Da La Nazione, Venerdì 24 Agosto 2018